Medicina perioperatoria

perioperative ultrasound for perioperative medicine

Supera il blocco: le ecografie in fase perioperatoria facilitano la cura del paziente

Il ruolo degli anestesisti sta cambiando. Man mano che gli ospedali cercano modi innovativi per semplificare il trattamento dei pazienti e migliorare i risultati, agli anestesisti viene richiesto di seguire i pazienti anche al di là delle anestesie generali e dei blocchi nervosi. La medicina perioperatoria, cioè quella che si occupa della gestione del dolore e della cura del paziente, ormai va ben oltre la sala operatoria, arrivando a riguardare anche alcune fasi del ricovero. Gli anestesisti si trovano quindi a dover svolgere ruoli nuovi prima, durante e dopo le operazioni.

Oggi, infatti, hanno l'opportunità di imparare nozioni sempre nuove, come le ecografie perioperatorie per il punto di cura, che in precedenza erano affidate ad altri specialisti. Imparare a effettuare ecografie su pazienti nel perioperatorio per individuare eventuali patologie o complicazioni consente di risparmiare tempo, migliorando i risultati e riducendo la permanenza dei pazienti in ospedale.

Che contributo può dare l'ecografia per il punto di cura alla medicina perioperatoria?

L'ecografia realizzata presso il punto di cura (POCUS, dall'inglese “Point-of-care ultrasound”) è un componente sempre più importante nella medicina perioperatoria, in particolare per quanto riguarda il trattamento del paziente. Grazie alle numerose applicazioni, dalla più facile somministrazione delle anestesie locali all'individuazione e prevenzione di eventuali complicazioni post-operatorie, è uno strumento di valore inestimabile per garantire ai pazienti una migliore esperienza in queste fasi.

Tra le applicazioni più comuni dell'ecografia in ambito perioperatorio figurano:

  • Il monitoraggio emodinamico e la gestione della volemia
  • L'identificazione di un versamento o un tamponamento pericardico
  • La diagnosi di patologie cardiopolmonari come lo pneumotorace
  • L'inserzione di un tubo endotracheale/La gestione delle vie aeree
  • Protocollo FATE (per l'Ecocardiografia Transtoracica)
  • Valutazione del contenuto gastrico
  • Protocollo FAST (Valutazione dell'instabilità emodinamica)
  • Blocchi nervosi ecoguidati

Quali tecnologie e sistemi ecografici sono più adatti per gli specialisti perioperatori?

Gli specialisti perioperatori utilizzano spesso i dispositivi ecografici Sonosite riportati nel seguente elenco.

Sistema ecografico SII Progettato e creato nello specifico per gli anestesisti e per le sale operatorie molto trafficate, l'SII può essere montato a muro, a soffitto o poggiato sul pavimento per la massima sicurezza e accessibilità. I suoi comandi semplificati sono pensati per l'utilizzo con una sola mano e la qualità delle immagini aumenta la sicurezza della diagnosi tramite l'esame.

Sistema ecografico Edge II I sistemi di alta fascia trasportabili di Sonosite comprendono algoritmi di visualizzazione avanzati, display più grandi, tastiera in silicone impermeabile e un solido corpo centrale in alluminio.

Sistema ecografico X-Porte Sonosite X-Porte comprende un'eccellente qualità delle immagini, calcoli cardiaci avanzati e moduli didattici integrati nel dispositivo, in modo da poter ricevere ulteriori informazioni sulle scansioni ecografiche mentre si lavora. Il sistema rivestito in vetro resistente è davvero semplice da pulire.

Sistema ecografico iViz L'ultima novità degli ecografi portatili, iViz ti segue mentre lavori ed è pronto per essere utilizzato direttamente in corsia quando serve.

Articoli correlati

Page Category: