Diminuzione delle prescrizioni di oppioidi in PS con i blocchi dei nervi

Sei su dieci morti per overdose, negli Stati Uniti, sono legate agli oppioidi. Tra il 2000 e il 2015, sono state registrate oltre 500 000 morti per overdose e 91 statunitensi muoiono per overdose da oppioidi ogni giorno. 

La peggiore epidemia degli oppioidi nella storia statunitense

Il fenomeno è stato definito la peggiore epidemia di stupefacenti nella storia degli Stati Uniti. Secondo i Centri statunitensi per il controllo delle malattie, l'aumento degli oppioidi su ricetta venduti negli Stati Uniti è quasi quadruplicato dal 1999, eppure non si è registrato nessun cambiamento nell'entità del dolore riferita dagli americani. Nel frattempo, le morti da oppioidi su ricetta, come l'ossicodone, l'idrocodone o il metadone, sono più che quadruplicate dal 1999.

Sappiamo che l'aumento delle morti da overdose da oppioidi negli ultimi 15 anni è dovuto in gran parte a overdose da oppioidi su ricetta. L'aumento della dipendenza e delle overdose da eroina si posiziona al secondo posto, poiché è l'alternativa preferita dai pazienti che hanno sviluppato una dipendenza dagli oppioidi ma non riescono a ottenere nuove prescrizioni.

Un centro medico si attiva per ridurre l'epidemia degli oppioidi

Al St. Joseph di Paterson, in New Jersey, la dott. Alexis La Pietra, responsabile medico della gestione del dolore, ha sperimentato sulla sua pelle una dissonanza a cui molti medici del pronto soccorso spesso si trovano di fronte.

“Mi trovavo in una stanza, impegnata a rianimare un paziente che era andato in overdose da eroina o altro oppioide e, qualche letto più in là, prescrivevano oppioidi per alleviare il dolore di un altro paziente”, racconta la dott. LaPietra, che si è resa conto che l'overdose di eroina spesso parte dalla prescrizione di antidolorifici a base d'oppio in PS.

Se il governo federale si è dimostrato lento nel rispondere all'epidemia, i singoli ospedali e centri medici hanno lanciato le proprie iniziative per rispondere a questa grave crisi sanitaria. Dopo aver capito che le prescrizioni di oppioidi non fanno che alimentare l'epidemia e la dipendenza, il St. Joseph’s ha deciso di ridurre drasticamente il numero di ricette provenienti dal PS, mantenendo però il dolore dei pazienti sempre sotto controllo.

Come contrastare il dolore senza oppioidi in PS e non solo

Il St. Joseph comprende il secondo pronto soccorso più frequentato degli Stati Uniti, che nel 2016 ha accolto ben 175 000 pazienti. A gennaio 2016, il pronto soccorso del St. Joseph ha lanciato il programma ALTOSM (ALTernatives to Opioids - Alternative agli oppioidi).

Il programma utilizza medicinali non oppioidi mirati, iniezioni sul trigger point, ossido di diazoto, blocchi nervosi ecoguidati, nonché la meditazione per aiutare ad alleviare il dolore dei pazienti con ferite gravi come ossa rotte, o con problematiche ricorrenti come le emicranie.

La dott. LaPietra ha descritto una paziente che è stata sottoposta a blocco nervoso ecoguidato all'epoca del lancio del programma ALTOSM , una donna di 89 anni con una frattura all'anca.

“Il dolore dovuto alle fratture all'anca è particolarmente acuto e causa notevoli disagi, poiché i pazienti non possono muoversi né respirare agevolmente. In 5-10 minuti dal blocco nervoso [ecoguidato], tuttavia, la paziente ha registrato un totale sollievo dal dolore”.

Perché usare l'ecografo per il blocco nervoso?

“È importante essere precisi e la strumentazione ecografica ci aiuta a esserlo sempre”, spiega Judy Padula, Vicepresidente dei servizi di assistenza al paziente e Caposala del St. Joseph.

I blocchi nervosi regionali di norma sono materia da anestesisti, ma i medici del pronto soccorso vi ricorrono sempre più spesso per dare sollievo ai pazienti con dolori acuti.

Ogni paziente è importante

La comunità servita dal St. Joseph ha seguito il programma di buon grado.

“Alcuni dei nostri pazienti in fase di guarigione si sono presentati al Pronto Soccorso [per il trattamento] perché non vogliono assumere altri oppioidi”, racconta il dott. Mark Rosenberg, Direttore della medicina d'urgenza della Population Health Initiative al St. Joseph. “In questo modo abbiamo diminuito i costi, riuscendo a prenderci cura dei singoli pazienti in modo ancora migliore.”

Scopri come migliorare la qualità della cura

Vuoi incrementare la sicurezza del paziente, eliminando le complicazioni? La Soluzione SonoSite permette di migliorare la qualità delle cure offerte, facilmente.  Fai clic qui per richiedere l'accesso a questo importante centro di risorse.