Imaging Muscoloscheletrico

Imaging muscoloscheletrico

Le prove cliniche e la ricerca supportano l'utilizzo degli ultrasuoni come approccio diagnostico di prima scelta per molte condizioni muscoloscheletriche. La diagnostica a ultrasuoni offre numerosi vantaggi rispetto ad altre tipologie d'esame come la tomografia computerizzata (TC) e la risonanza magnetica (RM) in termini di sicurezza ed efficacia. La diagnostica a ultrasuoni, infatti, non è invasiva e offre immagini in tempo reale di strutture a riposo e in movimento. La capacità di catturare il movimento delle strutture muscoloscheletriche la differenzia dalle altre modalità di imaging e permette di formulare diagnosi più accurate. Tra gli altri vantaggi offerti figura inoltre la portabilità dei sistemi a ultrasuoni, con la possibilità di applicazione e interpretazione direttamente presso il punto di cura.

Tuttavia, i medici e gli operatori sanitari, spinti da varie ragioni, hanno da sempre optato per modalità di imaging più costose. Il ricorso a tecniche di imaging quali la TC e la RM rispetto ad alternative meno costose, quali ad esempio gli ultrasuoni, non sempre garantisce risultati migliori e determina inoltre un aumento dei costi sia per il sistema sanitario sia per il paziente. Per ulteriori informazioni, leggi qui l'articolo completo..